[Le Leggende dell’Alpinismo #4-5-6] Kukuczka – Non così lontano – Everest, mito e realtà

Kukuczka
Kukuczka

Titolo: Kukuczka (Le Leggende dell’Alpinismo #4)
Regia: Jerzy Porebski
Durata: 46 minuti

Commento: Nonostante il titolo, questo DVD non parla in maniera esaustiva di Jerzy Kukuczka. Ci sono alcune parti dedicate espressamente a lui, in particolare la parte iniziale, in cui interviene spesso sua moglie, svelando retroscena sulla personalità dell’alpinista, e la parte in cui si approfondisce la competizione-non competizione con Messner nelle scalate a tutti gli ottomila. Quello su cui il film si focalizza è però la visione dell’alpinismo in generale, la ricerca dell’avventura, l’ignoto, la sfida dell’uomo contro la montagna. A questo contribuiscono gli interventi di altri alpinisti, tra cui lo stesso Messner, e il contrasto tra quello che era l’alpinismo negli anni 70-80 e quello che è adesso. Il documentario, quindi, ha un carattere più generale che particolare, e da questo punto di vista riesce a coinvolgere e a fornire interessanti spunti di riflessione. Rimane comunque un po’ di amaro in bocca per il mancato approfondimento relativo specificatamente a Jerzy Kukuczka.

Trovate il DVD su GazzettaStore.

Non così lontano
Non così lontano

Titolo: Non così lontano (Le Leggende dell’Alpinismo #5)
Regia: Hervé Barmasse
Durata: 38 minuti

Commento: Quello che mi ha colpito di più, guardando questo DVD, è stato il silenzio. Le immagini che documentano l’apertura delle nuove vie da parte di Barmasse sono in presa diretta, effettuate durante la scalata vera e propria. Ci sono due voci narranti, tra cui quella di Hervé Barmasse stesso, ma la vera “voce” è quella della natura: l’infuriare del vento, la neve schiacciata dal peso degli alpinisti che avanzano, gli sci che attraversano i pendii, la roccia che si sgretola e precipita giù. Questi elementi, uniti ad alcune riprese in soggettiva – specie nell’ascensione in solitaria del Cervino, iniziata semplicemente uscendo di casa e inforcando gli sci per l’avvicinamento – danno davvero l’impressione di essere lì assieme a Barmasse e colpiscono profondamente. I cieli stellati durante i bivacchi si alternano ai panorami innevati, e il tutto trasporta lo spettatore in mezzo all’avventura insieme all’alpinista. Per quanto mi riguarda è un bellissimo risultato.

Trovate il DVD su GazzettaStore.

Everest, mito e realtà
Everest, mito e realtà

Titolo: Everest, mito e realtà (Le Leggende dell’Alpinismo #6)
Regia: Alessandro Filippini, Marianna Zanatta, Peter Mortimer, Nick Rosen, Zachary Barr, Josh Lowell
Durata: 76 minuti

Commento: Il DVD contiene tre filmati che mostrano l’altra faccia della montagna più alta del mondo. Non si parla di grandi scalate o di imprese memorabili, ma di eventi che portano ad abbandonare l’impresa. L’elemento comune, oltre all’Everest, è Simone Moro, alpinista e pilota di elicottero italiano. Dopo il toccante “Soccorso a quota 8000”, in cui Simone abbandona la sua scalata per andare a recuperare un inglese rimasto ferito, mentre tutti gli altri in zona non muovono un dito, c’è l’accoppiata “Exposed to dreams” e “High tension”, che mostrano come l’Everest sia ormai diventato: da montagna inaccessibile e temibile a baraccone turistico-commerciale. Un’evoluzione che fa riflettere, in un certo senso, dato che stiamo parlando del punto più alto del pianeta. Evoluzione che si manifesta anche nel tessuto sociale locale, quello del popolo sherpa. Ho trovato alcuni punti dei filmati un po’ lenti e pesanti, ma nel complesso si è trattata di un’interessante visione, capace di fornire un’altra prospettiva del monte Everest.

Trovate il DVD in edicola, fino a venerdì prossimo, e anche su GazzettaStore.

Ciao! 🙂

Io sono Gianluca Santini e dal 2013 gestisco “Un passo alla volta“, il blog in cui puoi trovare racconti di escursioni e trekking, recensioni di attrezzatura per l’outdoor e consigli su come affrontare le avventure in montagna.

Ti consiglio di leggere la pagina Chi sono per trovare tutte le informazioni relative al blog. Buona navigazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *