Escursione al Monte Pranzà

Cartello di inizio sentiero
Cartello di inizio sentiero

Dati dell’escursione al Monte Pranzà

Data: 27/06/2020
Regione e provincia: Lombardia, Bergamo
Località di partenza: Vigano San Martino
Località di arrivo: Vigano San Martino (giro ad anello)
Tempo: 3 ore e mezza circa
Difficoltà: E (Escursionistico)
Segnaletica: Cartelli, segnavia
Dislivello: +750 metri circa

Punto di accesso: Da Bergamo imboccare la S.S. 671, proseguire sulla S.P. 89 e poi sulla S.S. 42. Arrivati all’altezza di Vigano San Martino svoltare a sinistra per entrare in paese salendo su via Bergamo. Girare a destra in via Gallo e successivamente a sinistra per via Piave. Qui è possibile lasciare l’auto in un piccolo parcheggio. Il sentiero comincia in vicolo Pedroera.

Descrizione dell’escursione al Monte Pranzà

La prima parte del sentiero 622 che da via Piave conduce alla vetta di Monte Pranzà seguendo un percorso ad anello si sviluppa in decisa salita su una strada bianca. Piegando a destra si guadagna quota attraversando le Stalle di Fou di Sotto e le Stalle di Fou di Sopra, dopo circa una quarantina di minuti dalla partenza.

Il tracciato poco dopo svolta verso sinistra e continua a salire in cresta all’interno del bosco fino a sbucare in località Cesulì, a quota 922 metri, da dove è possibile ammirare un bel panorama sulla Val Cavallina e sul Lago di Endine. Purtroppo durante la mia escursione, a causa di un po’ di foschia e di nuvole, la vista non è stata delle migliori. Son cose che capitano!

Lasciandosi alle spalle croce, cappelletta e geolabio di Cesulì, si riprende a salire di quota attraverso il bosco. Il terreno inizia a popolarsi di rocce di piccole e medie dimensioni che non danno alcun problema per quanto riguarda la camminata, ma anzi aggiungono fascino al panorama.

Si supera un bivio col sentiero 609A diretto a Colle Gallo e si esce dal bosco in località Cascina Flaccadori. Il sentiero in questo tratto si apre, passando sul fianco erboso dei monti e permettendo una visuale un po’ più ampia. Dopo poco, comunque, ci si ritrova di nuovo all’interno del bosco, fino a giungere al bivio col sentiero 622A.

Prendendo quindi a sinistra si abbandona il 622 per il 622A che costituisce il sentiero di cresta per salire alla vetta del Monte Pranzà. Il percorso è abbastanza agevole e si sviluppa comunque all’interno del bosco. Si arriva a una prima croce, che sormonta un cumulo di pietre, e avanzando ancora in cresta si arriva alla seconda croce, più piccola, posta su uno spiazzo che consente di ammirare un bel panorama. La vetta del Monte Pranzà è a quota 1095 metri.

Proseguendo sul sentiero 622A si continua sulla cresta del monte, ammirandone i rilievi rocciosi e boschivi. Infine si giunge a ritrovare il sentiero 622, riprendendolo in fase di discesa. Si svolta a sinistra una volta arrivati al bivio con il sentiero 609 e si prosegue l’anello attraverso il Bosco dei Canai.

Dopo poco tempo il sentiero si immette su una strada bianca più larga e arriva in località Fienile Gandello a 715 metri. Si prosegue sulla sinistra, camminando sulla strada carrabile che conduce a Vigano San Martino.

Lungo questo ultimo pezzo non bisogna far altro che seguire la strada carrabile fino al paese e da qui ritrovare via Piave. In fase di discesa lungo questo tratto è possibile ammirare il Monte Pranzà dal basso, guardando verso nord e ammirando la cresta su cui si è transitati appena poco prima.

Link utili per approfondire:
Sentiero 622 sul sito del CAI Bergamo
Sentiero 622A sul sito del CAI Bergamo

Ed ecco alcune foto scattate durante l’escursione al Monte Pranzà!

Ti è piaciuto quello che hai letto?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Riceverai gratuitamente gli aggiornamenti del blog e contenuti extra!

Invalid email address

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *