È così importante arrivare in cima?

È così importante arrivare in cima?
Fonte: Pixabay

Qualche anno fa, durante il trekking lungo l’Alta Via delle Alpi Apuane in Toscana, decisi di non arrivare in cima a una delle vette non presenti sul percorso ufficiale, anche se comunque molto vicina al tracciato su cui mi stavo muovendo. Un altro escursionista, anche lui impegnato negli stessi giorni sull’Alta Via, mi chiese, dopo aver saputo che non avevo raggiunto la cima, cosa ci venissi allora a fare in montagna. Questa domanda la trovai piuttosto assurda, sul momento, e continuo onestamente a reputarla tale. È rimasta comunque nella mia memoria, suggerendomi la stesura di questo articolo. Parliamone insieme: è davvero così importante arrivare in cima?
Fermo restando che ognuno fa un po’ come gli pare e, specie in montagna, la libertà viene sempre prima di qualunque altra cosa, io sono del parere che vivere la montagna, assaporare la natura selvaggia, immergersi nel mondo outdoor siano esperienze molto più ampie rispetto alla singola vetta di un monte.

Dalla cima di una montagna ovviamente si possono godere dei più bei panorami, del silenzio incontrastato e sentirsi pienamente parte del paesaggio. Non nego la bellezza delle vette, anzi, adoro arrivarci, sedermi per un po’ e guardarmi intorno fino a dove il mio sguardo può spingersi. L’emozione di giungere al punto più alto è impagabile, senza alcun dubbio, la soddisfazione di poter finalmente arrivare in cima dopo ore e ore di cammino lungo un sentiero, dare un senso alla propria energia spesa, sono tutti aspetti importanti e che fanno parte del fascino dell’escursionismo e sono di certo tra i motivi per cui pratichiamo tale attività e adoriamo passare i weekend in mezzo ai monti anziché in città.

È così importante arrivare in cima?
Fonte: Pixabay

Quello su cui non mi trovo assolutamente d’accordo, però, è il predominio del concetto di vetta rispetto a ciò che essa rappresenta. Mi ritengo un escursionista, un camminatore, non un conquistatore. Mi piace attraversare la natura, non collezionare cime. Posso rimanere molto affascinato da un’escursione anche se questa dovesse svolgersi, ad esempio, esclusivamente all’interno di un bosco, senza mai condurre a una punta significativa. La natura ha così tanto da offrire agli occhi di chi vuole ammirarla che pensare di trovare la bellezza solo alle quote più elevate credo sia un po’ riduttivo. Vado in montagna, quindi, per viverla, non per spuntare una voce da un elenco. Se il cammino che faccio mi fa arrivare in cima tanto meglio, potrò vedere cosa ha da offrirmi, ma non ritengo assolutamente fondamentale andarci per forza. Specie se già mi sto godendo, come nel caso dell’Alta Via, una magnifica esperienza di una settimana di trekking in mezzo alla natura. Non è necessario ritrovarsi sempre in vetta, secondo me.

Cosa ne pensate voi? Riuscite a godervi qualunque paesaggio naturale oppure preferite arrivare in cima comunque? Fatemi sapere, parliamone nei commenti!

Ciao! 🙂

Io sono Gianluca Santini e dal 2013 gestisco “Un passo alla volta“, il blog in cui puoi trovare racconti di escursioni e trekking, recensioni di attrezzatura per l’outdoor e consigli su come affrontare le avventure in montagna.

Ti consiglio di leggere la pagina Chi sono per trovare tutte le informazioni relative al blog. Buona navigazione!

2 Commenti su “È così importante arrivare in cima?

  1. Concordo in pieno con te! Personalmente prediligo le escursioni che mi portano in vetta, anche perché vivo il trekking anche come una sfida con me stessa e raggiungere quelle cime che dal basso sembrano quasi irraggiungibili mi dà sempre un brivido e mi ricorda che certi limiti sono tali solo finché non li affronti. E poi le viste che si godono dalla vetta… Inestimabili! Detto questo, però, è anche vero che certe escursioni sono belle a prescindere e che esistono anche bellezze diverse. Insomma non devi per forza arrivare in alto per restare senza fiato. Alcune delle escursioni che mi sono piaciute da morire non portavano a nessuna vetta. Mi sembra quasi ingenua quella domanda che ti è stata fatta…cosa ci vai a fare in montagna se non arrivi in vetta? A goderti la montagna! Che per fortuna non è solo vetta 😊

    • Ciao! 😊
      Sono contento di sapere che la pensiamo allo stesso modo. È talmente ovvio per me che il motivo per cui si va in montagna è quello di godersi la montagna, che quando ho sentito quella domanda sono rimasto allibito. Una domanda proprio ingegnua, come la definisci tu. Non me la sarei mai aspettata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *