Escursione a Baccu Eraneddu – La Sfinge

Un’escursione estremamente positiva, con la possibilità di arrivare a uno dei panorami più belli su cui finora mi sia capitato di posare lo sguardo. 🙂

Escursione Baccu Eraneddu
Inizio del percorso di Baccu Eraneddu

Data: 08/06/2014
Regione e provincia: Sardegna, Cagliari
Località di partenza: Dispensa Vecchia
Località di arrivo: La Sfinge – Baccu Eraneddu
Tempo: 1 ora e 50 minuti (sola andata)
Difficoltà: E (Escursionistico)
Segnaletica: Segni bianchi e rossi
Dislivello: +400 metri, in salita

Punto di accesso: Da Cagliari prendere la S.S. 554 in direzione Quartu S.E./Villasimius, poi imboccare lo svincolo per la S.S. 125 in direzione Arbatax/Olbia. Proseguendo lunga questa strada si svolta a desta seguendo l’indicazione per il Parco dei Sette Fratelli. La strada è da seguire fino in fondo, arrivando a un bivio a T, davanti al quale vi è una strada bianca con una sbarra. Si prosegue girando a sinistra, seguendo i tornanti e proseguendo fino a ritrovarsi di fronte a un guado oltre il quale non è possibile proseguire con l’auto. Lasciata lì la macchina e superato il guado a piedi si deve proseguire per un altro pezzo lungo l’asfaltata, fino a trovare i ruderi di Dispensa Vecchia sulla sinistra. Là vi è il punto di accesso del percorso.

Descrizione:

Il primo pezzo del sentiero di Baccu Eraneddu è privo di segnaletica, ma è comunque facile ed è impossibile sbagliare. Occorre imboccare una vecchia carrareccia che si sviluppa verso nord-est. Subito si affronta un tratto in salita, arrivando nei pressi di un cancello e di alcune recinzioni. Occorre seguire il percorso, che si sviluppa soprattutto in zone boscose, fino a un bivio, a quota 495 metri.

Da qui si prende la strada a destra, una salita sempre in zona boscosa, entrando nella zona di Baccu Eraneddu. Continuando lungo questa traccia si arriva infine a una pietra con dei segnavia bianchi e rossi, sita in un bivio. Il percorso prosegue a destra e da questo momento in poi i segnavia sono presenti fino alla meta. Devo anche ammettere che si tratta di una segnaletica ben realizzata, fresca, frequente e priva di punti dubbi. 🙂

Lungo questo sentiero si affronta una brusca salita, di breve estensione, ma anche di elevata pendenza. Una volta superata questa fase il tracciato si sviluppa quasi del tutto in piano, proseguendo fino ad arrivare a una strada bianca. Poco più avanti si trova un vecchio e malridotto cartello del “Sentiero Italia”, le cui scritte – mooolto sbiadite – segnalano la presenza della Sfinge, formazione rocciosa caratteristica situata a 734 metri slm. Ci vuole un po’ di fantasia, però, per vederci una Sfinge, eh.

Infilandosi nella vegetazione e salendo su alcune rocce, senza nessuna difficoltà, si può infine arrivare nella concavità che dovrebbe rappresentare il collo della Sfinge. Da questo punto il panorama è ampio e spazia fino al mare. Una vista che ripaga ampiamente delle fatiche dell’escursione. 😀

Per il rientro si è seguito lo stesso percorso dell’andata. Occorre prestare attenzione ai segnavia, perché si potrebbe proseguire su un tratto non percorso precedentemente, quindi bisogna stare attenti ai luoghi che si sono visti prima e cercare di ritrovare quella prima pietra in cui i segni sono stati individuati. 😉

Link utili per approfondire:
Percorso spiegato dal CAI di Cagliari
Itinerario su Wikiloc
Itinerario su Visit Muravera

Ed ecco alcune foto scattate durante l’escursione a Baccu Eraneddu (per ingrandirle basta cliccarci sopra):

Ciao! 🙂

Io sono Gianluca Santini e dal 2013 gestisco “Un passo alla volta“, il blog in cui puoi trovare racconti di escursioni e trekking, recensioni di attrezzatura per l’outdoor e consigli su come affrontare le avventure in montagna.

Ti consiglio di leggere la pagina Chi sono per trovare tutte le informazioni relative al blog. Buona navigazione!

2 Commenti su “Escursione a Baccu Eraneddu – La Sfinge

  1. dai segni e evidente che non si tratta di segni C.A.I ma rifatti da altre mani ,

    • Non capisco il commento, nell’articolo non parlo di segni CAI, ma di generici segni bianchi e rossi.
      Comunque, da cosa si capirebbe che non sono segni CAI?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *